Le notti selvagge di Lijiang

Standard

Giorno 64.

Gli animali della notte escono col buio. Si infilano nei vicoli della città vecchia attratti dalla musica assordante di centinaia locali. E seguono l’odore dell’alcool. I luoghi di perdizione si stendono lungo stretti canali, illuminati a giorno dalle luci psichedeliche delle discoteche. I procacciatori di clienti si spartiscono i nottambuli spingendoli come mandrie attraverso i pontili. Sembra di essere catapultati a Lloret de Mar. Ragazze discinte si accompagnano a uomini opulenti, alcune sembrano aver dimenticato la gonna a casa. Attraverso le vetrate si intravedono gruppi di amici in festa, mentre mangiano, bevono, ballano, avvolti in nuvole di fumo… Quando la musica finisce gli animali della notte strisciano per strada in evidente stato etilico, caracollano verso i loro alberghi stonando ancora un’ultima canzone. Un’altra notte di follia si è consumata qui a Lijiang.

Nel frattempo, ai nostri occhi…
Il sole tramonta alle sette, ma in Cina non si perde tempo ed alle otto la baldoria e’ già al suo culmine. Le strade traboccano e la musica e’ talmente alta che ovunque i suoni si mescolano in un indistinto fracasso generale. Passeggiamo lungo i canali sbirciando dentro i locali. Il rumore assordante fa presagire una bolgia infernale, ma vista da fuori la situazione all’interno e’ assurdamente calma. Le cameriere vestono in abiti tradizionali Naxi e non c’e’ davvero nulla di sensuale negli indumenti tipici di questa etnia locale. Niente braccia alzate, giovani e vecchi pacatamente seduti intorno a tavoli di legno dove l’alcool scorre a fiumi e dalle panche osservano chi si esibisce al centro della scena. Sui palchi si susseguono karaoke starnazzanti, ragazzetti emo che si improvvisano rock star di un improbabile sound cinese, prestigiatori a torso nudo che ululano al microfono. I balli di gruppo sono il top della serata, per lo più coordinati da ballerini vestiti come pellerossa. Madri e figlie negli stessi inguardabili completini attillati ondeggiano castamente. Non è la Rai al confronto avrebbe dato scandalo. Un uomo vestito da maiale ci invita a entrare. No grazie, ci basta da qui e poi sono le undici e mezza e la musica e’ finita. La giostra si spegne ed escono le prime vittime barcollanti. Si sentono trasgressivi, ma persino Cenerentola ha ballato fino a mezzanotte… Una domanda non mi da pace: cosa avranno mai bevuto per ridursi in questo stato in così poco tempo? Poi mi volto e vedo il vero trasgressivo…

20121111-202621.jpg

Annunci

»

  1. Tutto il mondo é paese, davvero! Ma in quel luogo che avete visitato e’ pure peggio che in quella famosa notte al 113! Evviva!!! Baci , ragazzi 🙂

  2. Pingback: Cina – Informazioni Pratiche « Animeprave

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...