Capodanno in salsa Miao – Parte 1

Standard

Giorno 86.

Nonostante uno stato di forma precario, usciamo dall’albergo di buon mattino per un’allegra escursione di giornata. Il nostro piano e’ raggiungere Leishan, un villaggio a pochi chilometri da Kaili, per assistere ai grandi festeggiamenti in occasione del Capodanno Miao. Con nostra immensa gioia, cade proprio in questi giorni e, solo per quest’anno, assieme ad un’altra ricorrenza importante, che non abbiamo capito bene cos’è, sappiamo solo che si festeggia ogni tredici anni. Siamo in una zona di minoranze etniche, soprattutto Miao e Dong, e una delle “cose da fare” da queste parti e’ vagabondare tra remoti villaggi per incontrare da vicino una cultura che sta scomparendo. Essere qui in occasione del Capodanno e’ un colpo di fortuna, un po’ meno per il tempo, freddo e nuvoloso già da qualche giorno. Scopriamo il significato del termine metereologico inglese “drizzle”.

20121208-101746.jpg20121208-101739.jpg

Mentre ci barcameniamo come al solito per trovare il bus giusto, interrogando chiunque ci capiti a tiro, urlando il nome “Leishan” con fare interrogativo, veniamo aiutati da Ley, una ragazza con tacco dodici e piumino bianco, che parla un ottimo inglese. È di origine Han e non è di queste parti, ma ha sposato un ragazzo Miao. Viaggia con suo padre, appena arrivato da Chongqing, per unirsi alla famiglia del marito in occasione dei festeggiamenti. Pare che la festa sia una cosa seria da queste parti, con decine di ospiti tra amici e parenti, in onore al motto “piu’ si e’, piu’ fortuna si avrà durante l’anno venturo..” Probabilmente le siamo simpatici, perché ci invita a casa sua, ospiti a cena e per la notte. Pare che sfoggiare al party due invitati stranieri sarà per loro di buon auspicio. Siamo un po’ indecisi, sono ancora raffreddato marcio e sicuramente nel villaggio non ci sono tutti i confort che vorrei, soprattutto in termini di riscaldamento, ma decidiamo di accettare, in fondo quando ci ricapita… Prendiamo appuntamento per le cinque, così, mentre Li e suo padre fanno compere, abbiamo la possibilità di assistere alla parata, dove gruppi di uomini e donne dei vari villaggi sfilano per le vie della cittadina in abiti tradizionali.

20121208-101925.jpg20121208-101931.jpg

20121208-101950.jpg20121208-101955.jpg

La manifestazione e’ organizzata tipo Palio o Sagre: una sfilata in costume che va a terminare in una specie di anfiteatro, con gradinate di legno stracolme di gente che spintona per salire e prendere posto, cui segue l’esibizione vera e propria da parte dei figuranti che intrattengono il pubblico con canti e danze. All’interno dello stadio si accede solo con regolare biglietto, che naturalmente noi non possediamo..non esiste una biglietteria e nessuno e’ in grado di dirci dove procurarcelo. Proviamo a fare un po’ di pressione all’ingresso, sperando di impietosire le guardie grazie alle nostre facce da laowai ma, a quanto sembra, i soldati dell’Esercito di Liberazione Popolare sono incorruttibili. Decidiamo quindi di fermarci a guardare l’arrivo del corteo lungo la strada, e poi vedere il da farsi. Mentre aspettiamo, il solito gruppo di cinesi inizia a scattarci duemila foto, costringendoci a pose tipo Brad Pitt e Angelina Jolie, in abiti da trekking, al Festival di Cannes…la bellezza, e la mia barba, hanno un prezzo. Hanno anche dei vantaggi, dato che i nostri nuovi amici, per sdebitarsi del servizio fotografico gratuito, ci procurano due biglietti per lo spettacolo. Arriva finalmente la sfilata in un’esplosione di colori, mentre milioni di campanellini tintinnano nel freddo cielo grigio-inverno. Donne cornute incedono nei loro abiti colorati, sotto pesanti corone intarsiate, uomini in turbante suonano tamburi e lunghi flauti ricavati in canne di bambù, mentre i bambini danzando a ritmo in mezzo alla colonna.

20121208-102212.jpg20121208-093324.jpg

20121208-092428.jpg20121208-092420.jpg

Quando proviamo ad entrare per goderci lo spettacolo dai nostri preziosi posti in prima fila, arriva a sorpresa, il “china moment” del giorno: lo stadio e’ già pieno, sono stati fatti passare anche i “portoghesi” senza biglietto, e adesso la polizia non lascia più entrare nemmeno la luna, con o senza ticket. Aspettiamo un po’ all’ingresso, tra altre decine di cinesi muniti di regolare lasciapassare, incazzati come iene. Quando abbiamo quasi perso la speranza, le guardie decidono di mandare a quel paese le misure di sicurezza ed esaudire le nostre preghiere. Entriamo, e ci guardiamo lo show da sopra le teste dei nostri vicini, per fortuna i Miao non sono degli spilungoni…

20121208-101222.jpg20121208-101229.jpg

Si fanno le cinque e ci troviamo puntuali con Ley, che nel frattempo ha comprato due divani, un televisore al plasma, dieci scatole di fuochi d’artificio Made in China, quindi pericolosissimi, un fiume di casse di birra, due tavoli professionali per giocare a Mahjong. Insomma, tutto il necessario per un party in grande stile. Ma si e’ fatto tardi e i nostri amici decidono di fermarsi a dormire in paese. Ci sistemano per la notte nell’albergo di un amico, o almeno così dicono, per cui non si paga la camera, no problem. Alle nove del giorno dopo ci passeranno a prendere per andare al villaggio, puntuali che c’è da festeggiare, e non si può più perdere tempo…

20121208-092639.jpg20121208-092920.jpg

20121208-102206.jpg

Annunci

»

  1. Nella cabala il numero 13 è quello della fortuna, mi pare…se la festa alla quale avete partecipato avviene ogni 13 anni , beh… avete avuto una buona sorte a trovarvi lì proprio in questo momento! Affascinante come sempre, la tua descrizione che induce la lettura…..dicevo oggi a Silvio che, leggendo il vostro blog, pare di essere lì, una precisione e ricchezza di particolari che ci rende vicino il fatto descritto! Per questo, vi dico GRAZIE! Un abbraccio forte!

  2. Pingback: Cina – Informazioni Pratiche « Animeprave

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...