Nusa Tenggara – Informazioni pratiche

Standard

TIMOR EST – DILI
DA FARE:
La città e’ triste da morire, ma può essere una buona base di partenza per escursioni di più giorni sulla splendida Atauro Island. E’ anche possibile organizzare trekking in visita ai villaggi sulle montagne circostanti. I prezzi, dal dormire al mangiare, sono decisamente spropositati rispetto alla povertà del luogo, ma la massiccia presenza di “expats” ha contribuito all’aumento dei costi. La valuta e’ il dollaro americano, distribuito direttamente tramite ATM.
DORMIRE:
One More Bar – 35 Usd appartamento composto da camera matrimoniale, bagno, soggiorno con angolo cottura, terrazzo vista mare, TV, aria condizionata e servizio di pulizie giornaliero – il posto e’ carinissimo, con un ottimo rapporto qualità prezzo rispetto al costo di una comune camera d’albergo (dai 40 ai 50 Usd a notte). Il ristorante annesso alla struttura e’ il locale più frequentato dagli australiani in città. La sera si organizzano spesso feste con musica dal vivo fino a tarda notte.

TIMOR OVEST – ATAMBUA
DA FARE:
Niente, una barca dovrebbe partire una volta a settimana da qui verso l’isola di Alor. Si e’ rotta tre mesi fa ed il servizio e’ tuttora sospeso a tempo indeterminato.
DORMIRE:
Nusantara Dua – 135.000 Rp camera doppia + colazione inclusa – le camere non sono male, ma affacciandosi sul patio interno adorno di stagni e fontanelle, si riempiono di zanzare. Per il prezzo c’è di meglio. Colazione a base di toast e uova sode.

TIMOR OVEST – KUPANG
DA FARE:
Base di partenza per chi vuole visitare l’isola di Rote, paradiso del surfista. Purtroppo le barche non hanno un servizio regolare a causa del mare spesso burrascoso. Si possono gustare ottime cene a base di pesce fresco nel colorato mercato notturno della città, a prezzi non sempre economici.
DORMIRE:
Lavalon B&B – 50.000 Rp camera doppia senza bagno – alcune camere sono più nuove, mentre altre avrebbero bisogno di una bella rinfrescata. Il proprietario sta costruendo nuovi bungalows vista mare, ma i lavori non sono proprio a buon punto.

FLORES – MONI
DA FARE:
Il trekking sul vicino vulcano Kelimutu per vedere i tre laghi colorati all’interno dei crateri e’ un’impresa alla portata di tutti. Dal villaggio la cima e’ comodamente raggiungibile da auto o motorini in poco più di mezz’ora. Dal parcheggio si prosegue con una passeggiata di una ventina di minuti fino al punto panoramico. Il giro completo dei tre crateri non è invece così agevole, il percorso può essere sdrucciolevole, soprattutto in caso di maltempo.
DORMIRE:
Hidayah – 200.000 Rp camera doppia + colazione inclusa – camere nuove e pulitissime in mezzo ad un giardinetto panoramico. La famiglia che lo gestisce e’ molto accogliente e le colazioni a base di frutta e pancake rigeneranti. Per il resto, il ristorante lascia un po’ a desiderare come tutti gli altri in paese.

FLORES – BAJAWA
DA FARE:
Affittare un motorino per un’escursione ai villaggi Ngada e’ la scelta migliore. Ogni villaggio ha una biglietteria per la registrazione dei turisti, dove una piccola offerta e’ obbligatoria. Peccato che le mappe della zona siano introvabili, anche all’ufficio del turismo. Il paesaggio vulcanico punteggiato da hot springs e sorgenti sulfuree e’ davvero mozzafiato. Non dimenticate il costume da bagno! Vivamente consigliata una scappata al sunset point per gustare un panorama indimenticabile.
DORMIRE:
Edelweiss Hotel – 175.000 Rp camera doppia + colazione inclusa – caro, anzi carissimo, come tutto in città. Con questa cifra, sudata dopo una lunga contrattazione, ci rifilano una camera economica fredda, umida e senza acqua calda. Le colazioni invece sono appetitose: a scelta toast, frutta, pancake, uova, riso fritto o zuppa di noodels.

FLORES – LABUHANBAJO
DA FARE:
Il diving tra le isole del Komodo National Park e’ grandioso. Ci affidiamo al Flores Diving Center per organizzare delle super immersioni. Il centro e’ appena aperto, con attrezzatura nuovissima e personale molto preparato e disponibile. In città si trovano diversi ristoranti italiani dove si possono gustare ottime pizze con ingredienti importati direttamente dall’Italia. Il migliore? Il toscano “Made in Italy”, ma preparatevi anche a prezzi nostrani.
DORMIRE:
Sunrise Hotel – 150.000 Rp camera doppia + colazione inclusa – situato in una grande struttura a mezza costa. Offre camere piuttosto nuove in classico stile cinese. Un grande terrazzo con vista sulla baia ospita tavolini e divanetti. Peccato per le colazioni: una fetta di pane e un uovo sodo.
Flores Diving Center – 100.000 Rp camera doppia bagno con in comune – camere nuove di zecca sono ad esclusiva disposizione dei clienti del dive center. Per chi frequenta i corsi la sistemazione e’ addirittura gratuita. Un’ampia living room mette a disposizione frigorifero e stoviglie per spuntini fai da te. La colazione non è ufficialmente inclusa, ma ogni mattina ci accoglie un cestino pieno di ciambelle e altre prelibatezze. La sera dal tetto dell’edificio si consumano tramonti di fuoco.

LOMBOK – KUTA
DA FARE:
Le chilometriche spiagge bianche di Kuta sono un sogno ad occhi aperti. Con un motorino si possono girare calette deserte in mezzo ad una natura selvaggia. Corsi di surf sono sponsorizzati in ogni angolo da agenzie e guesthouse. Il villaggio offre una grande varietà di alberghi e ristoranti per tutti i gusti e portafogli. Tra tutti vince l’affollatissimo Nana’s Warung con piatti succulenti a prezzi decisamente local.
DORMIRE:
Banana Homestay – 100.000 Rp camera doppia + colazione inclusa – la struttura, gestita da diverse famiglie imparentate tra loro, e’ piuttosto grande e dispone di numerose camere molto frequentate. Quando arrivi credi di trovarti nel cortile di un villaggio. Le stanze sono spaziose e verniciate di fresco, inserite in un giardinetto rigoglioso. Le colazioni sono abbondati e il personale molto cordiale. Se si vedesse anche il mare sarebbe perfetto.

BALI – KUTA
DA FARE:
Bali e’ Bali. Spiagge, risaie, locali, McDonald, massaggiatori e shopping sfrenato tra negozi di lusso e bancarelle artigianali. Kuta e’ la spiaggia più famosa, quella che per prima e’ stata colonizzata dal turismo straniero. Non per questo e’ la più bella. Super affollata, sabbia grigia, acqua torbida. Decine di surfisti alle prime armi che ti investono con la tavola mentre cerchi di farti un bagno. E poi troppi venditori, procacciatori di clienti e rompicoglioni di ogni genere.
DORMIRE:
Bene Yasa I – 150.000 Rp camera doppia + colazione inclusa – grande albergo a prezzi economici. Offre camere dignitose che si affacciano su un vasto cortile interno con ristorante e piscina annessa.

NOTE:
Cambio luglio 2013 – Indonesia: 1 euro = 13.200 Rp circa.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...