Non è facile racchiudere in un post tutti i preparativi necessari ad intraprendere un viaggio di più di un anno, anche perché è stato costruito nella mia testa per molto tempo prima di prendere corpo. Mentalmente vuol dire prepararsi a non avere una casa, degli amici, i piccoli e grandi comfort da cui siamo tutti quanti, chi più chi meno, circondati. A ben vedere questa può essere la cosa più difficile, soprattutto per il re dei pigri quale sono io (Giulia è molto più dinamica di me, lo sanno anche i sassi…).

A livello tecnico, si può ben dire che le uniche cose veramente necessarie siano uno zaino di buona qualità e un paio di ottime scarpe. Tutto il resto è opzionale. Per quanto riguarda lo zaino, abbiamo scelto il modello Overland 50 Lite della Ferrino, a 100 euro un ottimo compromesso tra leggerezza e volume.

Dalle precedenti esperienze, abbiamo capito che uno zaino più grande è inutile, anzi è dannoso perché ti invoglia a riempirlo con oggetti ed indumenti che non si useranno mai. Inoltre è scomodo quando si deve prendere un bus o un treno (in Asia i mezzi di trasporto economico non sono propriamente “extralusso”, e portare sulle ginocchia un bagaglio di 15 kg è davvero fastidioso…). Avrei volentieri optato per una soluzione ancora più minimalista, ma volendo visitare alcune zone Himalayane all’inizio del viaggio, dove le temperature sono freschine, qualche capo più pesante dobbiamo per forza di cose portarlo, di qui la propensione per il 50 litri.

Il resto sono scarpe da trekking leggere, niente scarponcini da fanatici, per intenderci, manco fossimo Messner e dovessimo scalare la parete nord del Nanga Parbat in pieno inverno…(credetemi, ho visto gente con scarponcini da trekking alti fin sopra le caviglie in Thailandia, ad agosto, con 35 gradi…), una torcia, un lucchetto, un sacco lenzuolo di cotone, un paio di sandali tipo Teva, le immancabili infradito, un po’ di medicina da viaggio molto basica, un pile leggero ed una manciata di indumenti vari. La tecnologia che ci porteremo appresso e ci consentirà, si spera, di aggiornare il blog, sarà composta da un iPad, un ebook reader tipo Kindle ed un cellulare. I libri e le guide varie, saranno in formato digitale per risparmiare soldi, dato che si scaricano facilmente, e sopratutto spazio (portarsi dietro roba da leggere per più di un anno in formato cartaceo ci sembra un’idea masochistica, anche se i tradizionalisti storceranno il naso…).

Il punto più controverso, come sempre, resta il budget. L’idea è quella di spendere naturalmente il meno possibile, ed avendo scelto mete piuttosto economiche crediamo, in base alle esperienze passate ed alle informazioni reperibili online, di cavarcela tra i 10 ed i 25 euro al giorno a testa, a seconda dei paesi e delle situazioni. A questo va aggiunto il volo di andata per Hong Kong, costato 402 euro a testa, ed un’assicurazione di viaggio che copra eventuali spese mediche e legali da sostenere all’estero, stipulata online, su https://www.adventuretravelinsurance.co.uk/quoteform.aspx, e pagata circa 470 euro per 12 mesi e due persone. Nelle sezioni del blog relative ai vari paesi, inseriremo comunque i costi sostenuti, per dare un’idea…

Tutto ciò per un totale di circa 24 mila euro in due, che verrà distribuito su vari conti online, due italiani (Cassa di Risparmio di Asti e CheBanca!) ed uno svizzero (PostFinance), che sono quelli più convenienti per quanto riguarda le spese di prelevamento all’estero. Più un po’ di contanti in Euro ed in USD, nel caso…

Annunci

»

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...