Archivi tag: Ruta 40

La raffinata arte del culipatin

Standard

Giorno 502.

Ecco, lo sapevo. Alla fine e’ successo. Fede, vieni a vedere, abbiamo sbagliato tutto! Si, perché avevamo un progetto preciso,“cinquecento giorni insieme in giro per l’Asia principalmente via terra”, un piano studiato per percorrere tutto il continente asiatico in direzione di casa, cercando di incontrare la stagione giusta in ognuna delle fasce climatiche che avremmo dovuto attraversare, per presentarci un giorno a sorpresa e suonare il campanello del cancello. Non so dove abbiamo perso il controllo del mezzo, però qualcosa non ha funzionato. Intanto abbiamo superato la data di scadenza senza neanche accorgercene, nemmeno una piccola festicciola o una candelina per questi primi cinquecento giorni, poi tralasciamo gli sbalzi climatici, il riscaldamento globale, o non so cosa si sia accanito su di noi come la nuvola di Fantozzi, visto che ogni paese che abbiamo visitato, eccezionalmente, non era mai nella stagione sperata. In ultimo abbiamo completamente stravolto l’idea iniziale di non bucare il cielo, rimbalzando come palline da ping pong tra le isole indonesiane, salendo su oltre venti aerei, che in ultimo ci hanno portato alla scoperta del nuovo mondo e ad abbandonare l’idea di tornare in Europa via terra, attraversando l’Asia centrale. Comunque sia andata, ora che questo viaggio ha superato la sua naturale data di scadenza ed è andato oltre qualsiasi progetto iniziale posso dire solo una cosa, e’ stato bellissimo. L’Asia resta il continente più interessante, perché diverso da tutto ciò che conosciamo, ma la febbre di viaggiare, scoprire, cambiare sempre le carte in tavola ci segue come un’ombra, e ancora non siamo guariti. Adesso vediamo come va a finire…

20140302-215207.jpg

El Bolson e’ la città del trekking giovanile, paradiso di studenti in vacanza che accorrono numerosi in estate per gozzovigliare tra i rifugi di montagna e nuotare nel taggatissimo Cajon del Azul, il canyon naturale dove un rio gelido assume il colore del cielo. La piccola comunità hippies, che ha colonizzato questa località andina nei lontani anni settanta, oggi celebra il turismo e l’agricoltura biologica attraverso la prelibata fiera cittadina, dove oltre all’artigianato locale ci si può sbizzarrire nella degustazione di birre artigianali, torte di spinaci bio e profumati frutti rossi elaborati nelle forme più svariate: marmellate, centrifugati, gelati colorati, crostate fatte in casa. Ci dà il benvenuto un tripudio di more e lamponi, che uniti ad altre sconosciute bacche locali, rotolano nella gola come piccoli peccati. Assaggiamo tutto il villaggio in un arcobaleno di bacche zuccherine.

20140302-214831.jpg20140302-214844.jpg

L’espiazione arriva il giorno seguente. Per sfuggire alla mandria di studenti scegliamo un trekking impegnativo e poco frequentato. Il Cerro Lindo sono cinque ore di fatica impennata lungo un sentiero tanto ripido che da subito rimpiango di non aver noleggiato un somaro. Sbattuto su una pietra, il mio corpo chiede pietà sopraffatto dal peso dello zaino e da un calore innaturale per essere inverno. Ma qui le stagioni sono al rovescio e i tafani si accaniscono sul mio sudore. Pretendo una pausa ogni millecinquecento passi e la camminata si trasforma in una conta alle pecore, solo che le pecore sono sassi e radici che a ogni metro insidiano il mio avanzare. Fede mi lascia camminare davanti così sono io a fare l’andatura, salvo poi incalzarmi da dietro come una muta di cani durante la caccia alla volpe. Raggiungo il rifugio spinta da una fame da lupo e mi lascio consolare dal grande abbraccio di Julio e dall’allegra compagnia intorno al fuoco.

20140302-213032.jpg20140302-213306.jpg

20140302-211431.jpg20140302-211439.jpg

Ceniamo a base di polenta istantanea e salsa Knorr “a la bolognesa”. Allo stesso tempo la parte migliore e quella peggiore di tutta la giornata. Parcheggiamo la tenda-casa sulla riva della laguna, sotto una foresta stregata da una ragnatela di muffa verde che profuma di latte condensato. La luna piena ci sorprende profondamente addormentati, avvolti come bachi nei nostri sacchi a pelo.

20140302-211752.jpg20140302-211759.jpg

Ci organizziamo per proseguire il trekking il giorno seguente insieme a Flavio la guida, Gisela e le sue amiche pazze, una famiglia argentina e Seth, Isaac e Chelsea, dal Colorado in viaggio attraverso il Sudamerica. Anche se le gambe si rifiutano, continuo a salire, rigida come un merluzzo e con i muscoli inchiodati dall’acido lattico. Scaliamo pietraie sotto lo sguardo vigile di un condor, attraversiamo croste di neve e camminiamo su tappeti di muschio gonfi d’acqua.

20140302-212459.jpg20140302-212508.jpg

20140302-212526.jpg20140302-212534.jpg

Conquistiamo la vetta in una giornata di sole splendida, che ci regala viste mozzafiato sulla laguna tricolore, il lago ghiacciato e tutte le cime innevate che segnano il confine con il Cile.

20140302-212826.jpg20140302-212832.jpg

20140302-212855.jpg20140302-212912.jpg

La parte migliore viene a scendere, quando Flavio estrae alcuni sacchi di plastica e a coppie scivoliamo giù dai fianchi innevati della montagna in una gara di “culipatin”. Come quando siamo andati sul quad, arrivo in fondo senza voce. Mio marito e’ ufficialmente pazzo, incurante di eventuali rocce o degli altri stessi partecipanti, si lancia dai pendii ad una velocità folle con me attaccata dietro come una scimmia urlatrice. Arriviamo sempre primi, la guida conta, ma forse siamo anche i più pesanti… La giornata si chiude così tra le urla e le risate, con la neve fin nelle mutande e le scarpe ad asciugare sul falò. Domani e’ tutta discesa, e stasera ci aspetta un’altra fantastica polenta.
20140302-212203.jpg20140302-212209.jpg

20140302-214949.jpg20140302-212224.jpg

La Ruta de los Siete Lagos

Standard

Giorno 497.

In viaggio ogni mattina e’ una pagina bianca. Il panorama dalla finestra e’ sempre diverso, e non sai dove dormirai la sera. I paesaggi si rincorrono, così come i visi delle persone che si incontrano. Alcuni passano come meteore, compagni di attimi fugaci, altri ti si appiccicano addosso, e te li porti dietro per un po’, nella speranza di rivederli in un futuro indefinito. Uno di questi visi é quello simpatico di Ferran, catalano purissimo, appassionato di montagna e di sport estremi. Con lui ci muoviamo da Junin de los Andes attraverso la Ruta de los Siete Lagos, uno degli spot più popolari e pubblicizzati di questa parte del paese. La giornata é di quelle piovigginose, per cui gli scorci spettacolari di cui dovremmo godere, per noi sono solo un’immagine sbiadita. Poco male, perché, i finestrini di un autobus non sono certo un punto di vista privilegiato, e senza un mezzo di trasporto tuo questa strada te la godi poco.

20140221-190323.jpg20140221-190330.jpg

Arriviamo a Villa La Angostura con la pioggia ed il freddo, e mentre montiamo incazzati le tende, ripensiamo quasi con nostalgia ai quaranta gradi di Buenos Aires. Ma al mattino, sulla pagina bianca scriviamo la parola sole, e usciamo in esplorazione. La regione dei laghi, sembra una Svizzera andina, con le montagne verdi, le case in pietra, il cioccolato, i turisti e gli infiniti laghi che quasi si sovrappongono, inframmezzati da spiagge tropicali, però con i pini al posto delle palme.

La zona d’estate sembra una costa romagnola catapultata tra le montagne, perché si riempie di studenti e famiglie in vacanza. Mancano le megadiscoteche, ma l’attitudine festaiola degli argentini trasforma i campeggi in raduni musicali, con le chitarre, la birra, gli spinelli e le grigliate.

Non tutti sono grandi camminatori, e noi ridiamo nel vederli arrancare sudati e sconvolti su per i pendii delle montagne, ragazzini di dieci-quindici anni di meno che superiamo con nonchalance e lo sguardo di chi la sa parecchio più lunga… Però la vista dal Cerro Campanario, che domina la città di Bariloche, e’ così imperdibile che anche i più pigri possono accedervi, grazie alla seggiovia che porta gli affaticati direttamente in cima, senza passare per il sentiero ripido e polveroso che deve percorre chi, come noi, vuole risparmiare l’estorsione dei 90 pesos che gli strozzini impongono alle allegre famigliole in vacanza.

20140221-190503.jpg20140221-190508.jpg

20140221-190516.jpg

Ce ne andiamo anche in spiaggia, il lago e’ azzurro cristallo e la costa al mattino e’ tutta per noi, gli argentini si svegliano tardi e prima delle due non c’è un anima. Giulia e Ferran decidono che è venuto il momento di tosarmi, la mia chioma selvaggia non sta più insieme, e le mie rimostranze sul grande freddo che ci aspetta, da cui il vello dovrebbe proteggermi, non servono a niente sotto il sole cocente. Mi arrendo, e così un uomo nuovo inizia ad aggirarsi per le Ande…

20140221-190412.jpg20140221-190415.jpg

20140221-190422.jpg20140221-190426.jpg